Accept Cookies?
Provided by OpenGlobal E-commerce

Federico Lapa

Written by Super User. Posted in Docenti

All'età di 13 anni inizia a suonare da autodidatta la batteria e le percussioni, cominciando a prendere familiarità, in modo ludico, al "suonare insieme", anche con ragazzi molto più grandi di lui, collaborando così con alcuni gruppi del territorio Riminese. Avvia da autodidatta i suoi studi personali attraverso metodi di batteria che rubavano la sua attenzione durante le lunghissime e silenziose visite presso i negozi di strumenti musicali più accessibili.  Nel 1991 decide di approfondire gli studi musicali e s iscrive alla scuola di musica "Eufonia" di Rimini, frequentando il corso di batteria tenuto da Andrea Longo.

Entra a far parte di un gruppo della zona, Trobàr Clus, con il quale si approccia alla musica in modo ancor più totalizzante, trovando con i propri compagni di viaggio il modo di immergersi nelle sonorità del progressive anni '70, vincendo diversi concorsi importanti, ma soprattutto avendo la grandissima fortuna di conoscere e iniziare una collaborazione con Franz Di Cioccio ( batterista della PFM).

Si appassiona anche al mondo etnico e prosegue in parallelo uno studio approfondito delle percussioni, incentrato sull'aspetto storico e culturale dei singoli strumenti, a favore di un approccio tecnico più consapevole.

Diventa batterista e percussionista del gruppo Asa Branca ('ala bianca' in portoghese) portavoce di coloro che in tempi di dittatura riuscirono a dare voce al popolo attraverso la musica e i canti, quindi per questo esiliati o addirittura uccisi. 
Gli Asa Branca sono chiamati da cooperative e comunità sociali per animare manifestazioni di tutti i tipi, tra cui la più degna di nota è senza dubbio il G8 di Genova, 2001.

Inizia nel 2000 una stretta collaborazione con la comunità Papa Giovanni XXIII e diventa turnista in studio di registrazione per varie produzioni e comincia a tenere laboratori di percussioni in centri di recupero alla tossicodipendenza prima e a centri diurni poi.

Nel 2004 studia la tecnica delle percussioni legate alla musica afro-cubana dal conghero cubano “Duke”.

Si iscrive nel 2005 alla scuola di animazione “Centro Studi Musicali e Sociali Maurizio Di Benedetto” di Lecco, dove impara tecniche di comunicazione e di espressione musicale in ambito di disagio sociale.

Continua a sperimentare attraverso laboratori musicali l’importanza dell’aspetto ludico e spensierato da cui nasce la musica, in strutture private e scuole statali.

Nel 2006 partecipa ad un seminario sulle percussioni corporee, tenuto da Stephane Paugane presso la scuola di formazione alla danza e al movimento di Orvieto.

Sente il bisogno di ricercare suoni e tecniche che stanno alla base delle sue conoscenze e si immerge nel meraviglioso mondo della musica africana tradizionale, la quale lo arricchisce non solo dal punto di vista musicale, ma sensibilizza anche  l’importanza dell’ascolto collettivo, ingrediente fondamentale e prezioso nelle sue attività di musica d’insieme attraverso poliritmie e suonando sulla danza ai vari corsi organizzati (Stage frequentati: Mamady Keita, Famoudou Konatè, Bruno Genero…).

Nel 2007 parte alla volta del Senegal, per studiare approfonditamente gli aspetti tradizionali della percussione africana

Nasce con Daniele Torri, suo grande amico e compagno sempre presente in questo percorso musicale, la voglia di formare un gruppo che suonasse attraverso le sonorità del meraviglioso Brasile, le grandi opere del noto cantautore Milton Nascimento. Successivamente Torri scrive sue composizioni affinché i CAIS potessero integrarli al loro repertorio.  

Nel 2008 comincia una collaborazione con il “TAM TAM STUDIO”, etichetta discografica e studio di registrazione del cesenate, entrando a far parte come percussionista dei gruppi MAMASITA e SAID QUARTET EXPERIENCE. Suona in locali e manifestazioni del territorio aderendo all' importante manifestazione Woodstock 5 stelle promossa da Beppe Grillo.

Nell’Ottobre 2009 si trasferisce per qualche mese a Siviglia, dove si approccia alla musica flamenca e studia il cajon con il maestro Sergio Fernandez.

Comincia una collaborazione come percussionista e animatore musicale presso i Gruppi Educativi Territoriali della cooperativa sociale Il Millepiedi, proponendo in modo ciclico un progetto ritmico dove si sperimenta il tempo e la fantasia attraverso oggetti di uso comune e di riciclo.